Articoli

31 Maggio 2023

I MIGRANTI OSPITATI A FONTANE D’ORO DOVRANNO LASCIARE IL CAMPO ENTRO L’11 GIUGNO

Sindaco Castiglione: «Sono stati temporaneamente accolti, ma non si tratta di lavoratori stagionali e non possiamo rischiare che si crei una nuova area di degrado»

 

 Comunicato Stampa n.061 del 31/05/2023

I migranti che sono stati temporaneamente ospitati all’interno del bene confiscato “Fontane d’Oro”, a seguito dello sgombero dell’accampamento abusivo dell’ex cementificio “Calcestruzzi Selinunte”, dovranno trovare una adeguata sistemazione alloggiativa entro l’11 giugno.

È quando stabilito dall’ordinanza sindacale n.106, emanata ieri (30/05/2023) dal sindaco Giuseppe Castiglione con l’obiettivo di scongiurare che all’interno dell’ex oleificio Fontane d’Oro, destinato all’accoglienza dei lavoratori migranti stagionali, possano ripetersi i fenomeni di spaccio di stupefacenti e di sfruttamento della prostituzione, che negli ultimi mesi si erano verificati nell’ex cementificio sgomberato.

Come previsto dalla legge nazionale, infatti, le persone che hanno titolo a permanere sul territorio italiano e che intendano rimanervi hanno anche l’obbligo di procurarsi un idoneo alloggio, essendo vietata ogni forma di occupazione abusiva e di bivacco.

Al fine, dunque, di dare il tempo di trovare una adeguata soluzione abitativa, i circa 40 migranti in regola con i permessi di soggiorno sfollati dall’ex cementificio sono stati temporaneamente ospitati all’interno dell’ex oleificio Fontane d’Oro, dove si trovano le unità abitative donate dall’Unhcr per il campo stagionale che viene gestito dal Comune esclusivamente per l’accoglienza dei lavoratori migranti impiegati nella raccolta delle olive.

«Il fenomeno che ci troviamo a gestire oggi – spiega il sindaco Castiglione – non ha nulla a che vedere con l’attività agricola locale. Nessuno dei 40 migranti che abbiamo temporaneamente accolto è in possesso di un contratto di lavoro e, com’è noto, purtroppo, l’ex cementificio di contrada Bresciana era diventato un luogo di degrado, dove si consumavano pericolose attività illecite. In assenza di un presidio di sicurezza, non possiamo rischiare che Fontane d’oro diventi una nuova piazza di spaccio e prostituzione a Campobello. Pertanto, avendo condiviso queste preoccupazioni con sua eccellenza il Prefetto di Trapani, ho ritenuto di adottare il provvedimento di sgombero».

 

 

 

 

La Portavoce

Antonella Bonsignore

sindaco Giuseppe Castiglione sgombero ex cementificio 24.05.2023

31 May 2023

Ultimi articoli

Articoli 23 Febbraio 2024

ULTIMATO IL RESTAURO DELLA TORRE DELL’OROLOGIO, SI RIRPISTINA LA VECCHIA PIAZZA MERCATO

Ieri pomeriggio sono iniziate le opere di demolizione del vecchio immobile che ne aveva cancellato la funzione   Campobello di Mazara, 23/02/2024 Ultimati i lavori di restauro della Torre dell’Orologio, monumento simbolo di Campobello di Mazara, che è stato adeguatamente valorizzato anche attraverso un progetto di illuminazione esterna, ieri pomeriggio,  sono iniziate anche le opere di demolizione dell’immobile fatiscente che si trova nella parte retrostante il monumento e che, per anni, ha di fatto cancellato la funzione della piazza Mercato.

Articoli 20 Febbraio 2024

SI RISCHIA UNA NUOVA EMERGENZA RIFIUTI: RIUNIONE IN ASSESSORATO REGIONALE PER SCONGIURARE PARALISI NELLA RACCOLTA DELL’INDIFFERENZIATO

La Trapani Servizi ha interrotto il conferimento dei rifiuti a causa della saturazione del sito.

Avvisi 14 Febbraio 2024

AVVISO PUBBLICO – 4^Indizione bando per assegnazione in locazione di un terreno confiscato alla criminalità organizzata sito in C/da Ingegna.

Si avvisa, chiunque ne abbia interesse, che è stato pubblicato l’avviso in oggetto.

torna all'inizio del contenuto